Gli avanzamenti tecnologici legati alla quarta rivoluzione industriale stanno entrando nelle nostre case: quali impatti avranno sulle nostre vite?

Negli ultimi anni, quasi senza rendercene conto, abbiamo iniziato ad aprire le nostre case a robot intelligenti che ci supportano in tantissime attività in casa. Abbiamo oggetti sempre più interconnessi e intelligenti come lampadine, termostati, allarmi, serrature …

Smart home e quarta rivoluzione industriale 1 Smart home e quarta rivoluzione industriale 3

La chiamiamo “smart home”. Ma quello che sta accadendo è un cambiamento molto più profondo. Si tratta dell’inizio di una nuova era che trasformerà non solo le nostre case, ma anche le nostre vite.

Questione di rivoluzioni

Smart home e quarta rivoluzione industriale 5

Dall’epoca della seconda rivoluzione industriale abbiamo visto sempre più oggetti diventare indipendenti dalla forza motrice animale, umana o della natura e trasformare le nostre case introducendo nuovi prodotti come il frigorifero, la lavapiatti, la lavatrice, la luce elettrica …

Oggi, stiamo assistendo a cambiamenti che sono influenzati dalla quarta rivoluzione industriale e che riguardano 3 principali trend:

  1. Automazione: tramite robotica e migliori sensori, molti oggetti hanno sempre meno bisogno di noi per “muoversi” in casa;
  2. Internet e, quindi IoT: grazie alla possiiblità di connettere sempre più oggetti alla rete questi possono interagire con l’ambiente circostante, raccogliere dati, condividerli online e rendere più efficiente l’uso che ne facciamo;
  3. Intelligenza artificiale: sempre più oggetti stanno diventanto intelligenti e imparano e si adattano all’ambiente e alle attività per le quali sono pensate.

Per rendersi conto del cambiamento basta osservare la nuova linea di prodotti di IKEA, che sta puntando su Intelligenza Artificiale e IoT al pari di grandi player come Amazon, Google e Apple con altoparlanti wireless intelligenti, lampadine, termostati e molto altro.

Smart home e quarta rivoluzione industriale 6

Robot personali

A sentire poi ricercatrici come Cynthia Breazeal dell’MIT, avremo tutti un personal robot così come abbiamo un personal computer. Intanto ci accontentiamo di Amazon Echo o strumenti simili, ma un prodotto come Jibo, creato proprio da Cynthia, potrebbe alzare il livello di servizio che possiamo ottenere da questi nuovi membri della famiglia.

Smart home e quarta rivoluzione industriale 4

Con questi cambiamenti arrivano vere e proprie rivoluzioni sociali: il frigorifero

Le nostre case stanno cambiando e gli impatti sociali saranno enormi.
Abbiamo citato prima il frigorifero come uno dei nuovi prodotti che hanno fatto ingresso nelle nostre case con la seconda rivoluzione industriale. Pensiamo a quali cambiamenti ha portato con sè questo elettrodomestico.

Smart home e quarta rivoluzione industriale 2

Con il frigorifero i cibi si conservano più a lungo.
Questo significa che:

  • non serve più andare tutti i giorni al mercato a comprare cibo fresco
  • non serve più dedicare tanto tempo alla cucina ogni giorno ma si può fare con minore frequenza
  • meno cibi vanno sprecati
  • è possibile conservare i cibi precotti più a lungo

Con queste premesse possono nascere i supermercati e i cibi confezionati precotti o suergelati ad uso domestico: la spesa si può fare anche una volta a settimana!
Tutto questo di conseguenza libera le donne (in particolare) da una serie di attività che occupavano le loro giornate.
Se aggiungiamo lavapiatti e lavatrici il gioco è fatto: siamo di fronte ad una vera e propria rivoluzione sociale.

Quale sarà la prossima rivoluzione?

Proviamo a immaginare quali cambiamenti possono arrivare con le novità che portano con sè tecnologie come intelligenza artificiale, robotica, stampa 3D.
Quanto tempo libero avremo a disposizione quando sarabbo robot e intelligenze artificiali a gestire i nostri appuntamenti, la spesa, le pulizie e la gestione della casa?
Come sarà il nostro mondo tra 15 anni?
Cosa cambierà nelle nostre vite?

Cristina Pozzi

Cristina Pozzi è imprenditrice nel settore profit e no profit, speaker, advisor e angel investor. Dopo aver venduto Wish Days a un gruppo internazionale nel 2016, oggi è co-fondatrice e CEO di Impactscool e co-fondatrice di Checkout Free Technologies (soluzioni AI per la vendita al dettaglio). Su Impactscool Cristina scrive di innovazione e di tecnologia, con particolare attenzione alle possibili implicazioni morali e filosofiche.