Le notizie più importanti sulla tecnologia e il futuro, scelte e selezionate dal web per i lettori di Impactscool

 

Droni fuorilegge

Lo scorso inverno un gruppo di criminali ha usato dei piccoli droni per ostacolare un’operazione dell’FBI: una squadra di salvataggio di ostaggi, mentre si trovava in un punto di osservazione elevato, è stata “accecata” dall’arrivo dei droni e non ha potuto procedere con l’operazione.
Sfortunatamente, questo è solo uno dei modi in cui i malviventi possono utilizzare i droni per le proprie operazioni criminali. Ad esempio, questi apparecchi stanno rendendo più facile per i criminali pianificare rapine e furti in casa, permettendo di osservare target più grandi, individuando lacune nei sistemi di sicurezza e tracciando gli schemi delle guardie di sicurezza.
Come ha spiegato Joe Mazel, capo dell’Unità operativa per le tecnologie dell’FBI, al problema non ci sono soluzioni semplici o immediate: anche se le forze armate statunitensi hanno già utilizzato apparecchiature di disturbo dei droni nelle zone di guerra, la maggior parte di queste soluzioni non è ancora stata testata per l’uso nelle città americane, dove si ritiene che potrebbero interferire con i segnali dei telefoni e possibilmente con gli altri velivoli.

 

Adesso Google può prenotare gli appuntamenti al posto vostro

È iniziata lo scorso 8 maggio Google I/O, la serie di conferenze che ogni anno Google organizza per presentare le novità relative ai propri programmi e applicazioni e rivolto soprattutto agli sviluppatori di software. Durante l’evento di apertura, Google ha presentato Duplex, una nuova tecnologia che serve per delegare al suo Assistente le telefonate per prenotare visite, tavoli al ristorante e per svolgere altre piccole operazioni quotidiane.
Secondo molti dei presenti, la dimostrazione, durante la quale l’Assistente di Google ha prenotato un appuntamento dal parrucchiere, è stata sorprendente, tanto che nemmeno la persona dall’altra parte del telefono sospettava di dialogare con un computer: Duplex si è rivelato straordinario tanto nella capacità di comprendere le domande dell’interlocutore quanto nell’imitare perfettamente la voce umana.
Ma come sottolinea James Vincent su The Verge, per quanto i risultati possano essere incoraggianti, la novità introdotta da Google “apre il vaso di Pandora delle sfide etiche e sociali”: per esempio, Google ha l’obbligo di dire ai suoi interlocutori che stanno parlando con una macchina? La tecnologia che imita gli esseri umani rischia di farci perdere fiducia in ciò che vediamo e ascoltiamo?

 

L’Intelligenza Artificiale per combattere il cancro

I ricercatori stanno ampliando l’uso dell’Intelligenza Artificiale come strumento terapeutico: l’Allen Institute for Artificial Intelligence, in particolare, ha sviluppato un sistema in grado di trasformare le immagini di cellule umane in immagini tridimensionali delle cellule stesse, che ne mostrino le diverse componenti in dettaglio. Per creare questo modello, l’Allen Institute ha sviluppato un database online, l’Allen Integrated Cell: questo strumento online, ora gratuito e aperto al pubblico, offre immagini 3D di 32.000 cellule.
Il modello è particolarmente utile per scienziati e medici perché fornisce uno sguardo ravvicinato sugli effetti del cancro e di altre malattie sulle singole cellule: lo strumento dell’Allen Institute può fornire, infatti, un quadro completo di come le cellule sono affette da malattie e quindi aiutare il personale medico a trovare il trattamento più appropriato.
Il team dell’Allen Institute spera che i loro strumenti “possano aiutare a democratizzare la ricerca medica”: i ricercatori sperano di avere un database più ampio, ricco di modelli di più cellule, disponibile nei prossimi mesi.

Impactscool

The future is open source!