Alcuni ricercatori del Columbia University Medical Center hanno convertito un sistema immunitario batterico naturale in un registratore di dati microscopici, gettando le basi per una nuova classe di tecnologie che utilizzano le cellule batteriche per qualsiasi cosa, dalla diagnosi delle malattie al monitoraggio ambientale. I ricercatori hanno lavorato su uno dei batteri più comuni, l’Escherichia coli, consentendo ai batteri non solo di registrare le loro interazioni con l’ambiente, ma anche di cronometrare gli eventi. “Questi batteri, inghiottiti da un paziente, potrebbero essere in grado di registrare i cambiamenti che sperimentano attraverso l’intero tratto digestivo, offrendo una visione senza precedenti di fenomeni fino ad ora inaccessibili”, dice Harris Wang, assistente professore nel Dipartimento di Patologia e Biologia Cellulare e Sistemi Biologia alla CUMC. Altre applicazioni potrebbero includere il rilevamento ambientale e studi di base in ecologia e microbiologia, in cui i batteri potrebbero monitorare i cambiamenti altrimenti invisibili senza interrompere l’ambiente circostante.

Approfondisci questa notizia

 

The future is open source!